Proposta di legge per chiudere le cave d’ofiolite

Proposta di legge per chiudere le cave d’ofiolite

Nella legislazione italiana in materia di amianto c’è ancora tanto da fare. Non sono solo carenze legislative; si tratta anche di norme aberranti e probabilmente anticostituzionali. Nel vastissimo e articolato contesto sanitario/ previdenziale/ambientale legato alla contaminazione da amianto, i comitati e le associazioni che si battono per la proibizione all’estrazione e utilizzo, a qualsiasi titolo, della “pietra verde” hanno ottenuto da numerosi parlamentari dell’ attuale legislatura il riconoscimento della fondatezza delle proprie istanze. Limitatamente a questo problema bisogna rimuovere quella anomalia normativa che è all’origine del problema. Puntualmente il disegno di legge presentato, all’articolo 13 recita : DISEGNO DI LEGGE d’iniziativa dei senatori CASSON, FILIPPI MARCO, BUBBICO, FEDELI, IGNAZIO MARINO, AMATI, GRANAIOLA, FORNARO, BORIOLI, FABBRI, Norme a tutela dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente dall’amianto, nonché delega al Governo per l’adozione di un testo unico in materia di amianto. (omissis) Art. 13. (Divieto di estrazione e di uso delle pietre verdi) 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono vietati l’estrazione e l’utilizzo delle pietre verdi, come definite ai sensi del decreto del Ministro della sanità 14 maggio 1996, pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 25 ottobre 1996. Dunque, per la prima volta a livello parlamentare dal 1996, con questo disegno di legge la questione ” Pietre Verdi ” esce dal limbo dei problemi oscurati dalla politica asservita alle lobby. Certo il percorso è ancora lungo e carico di insidie, ma noi siamo tenaci ! Fabio Paterniti

Facebook Comments

leave a comment

Create Account



Log In Your Account